IndicePORTALECalendarioCercaRegistratiAccediWeb Site

Condividi | 
 

 MotoGP: Round 17 - NEXT Shell Advance Malaysian Motorcycle Grand Prix

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Cecca
"The Moderator"
avatar

Messaggi : 2652
Data d'iscrizione : 13.03.10
Età : 39
Località : Forlì

MessaggioTitolo: MotoGP: Round 17 - NEXT Shell Advance Malaysian Motorcycle Grand Prix   Gio Ott 20 2011, 11:39

MotoGP 2011: orari tv GP Malesia a Sepang

Con i mondiali piloti e costruttori già assegnati a Casey Stoner e alla Honda, domenica 23 ottobre il Motomondiale torna in pista a Sepang per il GP di Malesia





Si mettono via le trombette ed i cappellini di carta a punta per la festa di campione del mondo dopo il week end perfetto, ma anche i fazzoletti di carta per piangere un'altra delusione. Perché questo fine settimana si torna in pista per correre il GP di Malesia, penultimo appuntamento del calendario del Motomondiale 2011.

I temi del GP di Malesia 2011 a Sepang
Casey Stoner è campione del mondo 2011 ma il calendario 2011 MotoGP dice che mancano ancora due gare (questa ed il GP di Valencia il 6 novembre) alla fine della stagione e di certo uno che ha un soprannome come Ba-Stoner non ha intenzione di fare regali.
Valentino Rossi invece c'è chi deve rialzarsi e dimostrare, nonostante i 9 titoli di campione del mondo, che la gente si sbaglia, che la moto non è come la gente dice e che lui non è un pilota da pensionare.
Marco Simoncelli invece va alla riscossa galvanizzato dal miglior risultato in MotoGP in due stagioni, un secondo posto dietro a Casey Stoner nel GP di Australia che riporta su il morale.
Purtroppo non c'è Jorge Lorenzo: la caduta durante il warm-up lo costringe al forzato riposo (oltre che a cedere in anticipo il suo titolo di campione del mondo) e dovremmo vederlo a Valencia. Gli facciamo i nostri migliori auguri di buona guarigione.
Al suo posto Katsuyuki Nakasuga, 30enne tester giapponese della Yamaha. Al momento, Nakasuka corre nel campionato giapponese ed è terzo. Ha una partecipazione attiva allo sviluppo della M1 1000 tanto che anche lunedì è previsto un test della nuova moto insieme a Ben Spies sul circuito malese.
Anche l'altro pilota Yamaha Ben Spies ha dovuto saltare la gara australiana a causa di un brutto colpo alla testa dopo una caduta durante il turno di qualifiche, ma a Sepang non può mancare, anche perché rimane in corsa per una chiusura fra i primi cinque in Campionato in questa sua prima stagione in sella alla M1 ufficiale.
Andrea Dovizioso per una questione di costi è stato accomiatato e vuole far vedere il suo valore, nonostante l'attuale terzo posto in classifica generale, sia alla HRC che al nuovo Team Yamaha Tech 3. Il Dovi ha ancora delle matematiche ambizioni di superare Lorenzo al secondo posto finale, ma deve anche guardarsi alle spalle perché a 4 punti di distanza c'è il compagno di team, Dani Pedrosa (“Ah, chissà come sarebbe la classifica senza quell'incidente... e senza Simoncelli!”).
Lo spagnolo così come il suo manager, Alberto Puig insieme allo sponsor spagnolo, vuole salire sul podio finale. Chissà se la Honda lascerà correre i suoi piloti oppure appoggerà uno o l'altro. Honda oltre che campione del mondo costruttori è anche campione nel mettersi in situazioni imbarazzanti: potrebbe aiutare un suo attuale pilota anche se non è stato confermato per la prossima stagione?

Miglior rookie dell'anno
La sfida è tra Cal Crutchlow del team Tech 3 Yamaha e Karel Abraham del Team Ducati Cardion.
Incredibile cos'è avvenuto domenica a Phillip Island: il ceco cade e si vede sfilare davanti il rivale, che cade a sua volta. Allora con la forza della disperazione Abraham spinge per far partire la moto, riesce a mettere la prima marcia con le mani perché aveva distrutto la leva del cambio, pedana inclusa.
Due giri in prima per guadagnare punti preziosissimi per il titolo di debuttante dell'anno: due giri per portarsi a 5 punti di vantaggio. Non mollare mai!

Il futuro di Suzuki in MotoGP
Questo fine settimana si dovrebbe conoscere la decisione della Suzuki riguardo i suoi impegni in MotoGP per il 2012. Soldi ce ne sono pochi però a Sepang in sella alla GSV-R al fianco di Bautista mette la wildcard John Hopkins.
Lo spagnolo campione del mondo 125 nel 2006 e vicecampione del mondo 250 nel 2008 vorrebbe qualche informazione per programmare il suo 2012.

Orari tv GP Malesia 2011
Venerdì 21 ottobre – Prove libere
Mediaset Premium
03:15 125 (1° sessione)
04:10 MotoGP (1° sessione)
05:10 Moto2 (1° sessione)
07:15 125 (2° sessione)
08:10 MotoGP (2° sessione)
09:10 Moto2 (2° sessione)

Sabato 22 ottobre – Prove libere e qualifiche
Italia1
01:30 prove libere (sintesi)
Mediaset Premium
03:15 125 (3° sessione)
04:10 MotoGP (3° sessione)
05:10 Moto2 (3° sessione)

Qualifiche
Mediaset Premium e Italia 1
07:00 125
07:55 MotoGP
09:10 Moto2

Domenica 23 ottobre - Gare
Warm-Up
Mediaset Premium
04:40 125
05:10 Moto2
05:40 MotoGP

Gara
Mediaset Premium e Italia 1
07:00 125
08:15 Moto2
10:00 MotoGP
Italia1
11:00 Fuori Giri
14:00 MotoGP (replica gara)

Dati del circuito di Sepang, GP della Malesia
Lunghezza Circuito: 5,548 km
Record Ufficiale: Casey Stoner (Ducati – 2007), 2’02.108 – 163.566 Km/h
Best Pole: Valentino Rossi (Yamaha – 2009), 2’00.518 – 165.724 Km/h
Numero di giri: 20
Distanza gara: 110,960 km

Così nel 2010
Podio: 1° Valentino Rossi, 2° Andrea Dovizioso, 3° Jorge Lorenzo
Pole: Jorge Lorenzo (Yamaha – 2010), 2’01.537, 164.335 Km/h



Fonte
Infomotori.it


_________________

L'amore è più grande se la tua compagna non è perfetta
Cecca E.T.P.R. "The Moderator"
L'Ente è FurEnte
Torna in alto Andare in basso
http://www.facebook.com/#!/profile.php?id=727994496
landrenesen
Principe dei tornanti
avatar

Messaggi : 910
Data d'iscrizione : 22.04.10
Età : 52
Località : Imola

MessaggioTitolo: Re: MotoGP: Round 17 - NEXT Shell Advance Malaysian Motorcycle Grand Prix   Gio Ott 20 2011, 17:59

sperem! un po' di fiducia ci farebbe proprio bene a questo punto!
Torna in alto Andare in basso
http://www.sins-store.com
Cecca
"The Moderator"
avatar

Messaggi : 2652
Data d'iscrizione : 13.03.10
Età : 39
Località : Forlì

MessaggioTitolo: Re: MotoGP: Round 17 - NEXT Shell Advance Malaysian Motorcycle Grand Prix   Sab Ott 22 2011, 15:11

Pedrosa conquista la Pole a Sepang
Pole position per Dani, con 0”029 di vantaggio su Stoner e 0”204 su Dovizioso. In seconda fila: Edwards (0”548), Simoncelli (0”643), Hayden (0”710). Nono Rossi a 0”933, caduto senza conseguenze





DOMINIO PEDROSA, STRAPOTERE HONDA

Dopo aver dominato i tre turni di libere, Dani Pedrosa si è ripetuto anche in qualifica, ma per conquistare la pole ha faticato molto di più, anche a causa di una innocua scivolata a inizio turno. Dopo il mattino, Pedrosa aveva ben sette decimi di vantaggio, che si sono ridotti a 29 millesimi in qualifica. In ogni caso, Dani ha un ottimo passo ed è sicuramente uno dei candidati al successo. Più difficile da decifrare la prestazione di Casey Stoner, che soltanto a nove minuti dalla fine è risalito nelle posizioni a lui congeniali, chiudendo poi la sessione al secondo posto.


DOVIZIOSO VELOCE E CONSISTENTE

Assieme a Pedrosa, il grande protagonista delle qualifiche è stato Andrea Dovizioso, davanti a tutti fino a 24 minuti dal termine poi in grado di ribattere ai tempi dei rivali con le gomme morbide, con le quali, solitamente, fatica di più. Ma qui Andrea si è sempre trovato a suo agio e nel passo gara non ha niente di meno di Pedrosa: il sorriso con il quale ha chiuso la sessione, la dice lunga sul suo potenziale. Più in difficoltà Marco Simoncelli, quinto e incapace di migliorare in qualifica il tempo delle libere


YAMAHA AGGRAPPATA A EDWARDS

Nel giorno in cui la Honda HRC conquista l’intera prima fila (non era ancora successo quest’anno), la Yamaha è costretta ad aggrapparsi a un vecchietto come Colin Edwards, ottimo quarto. La M1, quindi, non è affatto male, ma in questo momento la Casa giapponese soffre per la mancanza di piloti: Jorge Lorenzo è a Barcellona a curarsi dopo la caduta in Australia, mentre Ben Spies (16esimo) appare totalmente confuso: l’americano, purtroppo, è caduto nuovamente nel finale e la sua presenza domani è tutt’altro che scontata. Non sarà invece al via John Hopkins: dopo la prima giornata di libere, il mignolo destro infortunato a Brno si è gonfiato nuovamente e l’americano non può più guidare.


PASSO IN AVANTI DUCATI

Dopo la difficilissima prima giornata, la Ducati ha fatto un buon passo in avanti nella seconda, sia nell’ultimo turno di libere sia in qualifica. Sfruttando tutte le scie possibili, Nicky Hayden ha chiuso al sesto posto, a 0”710 dalla pole, un paio di decimi più veloce di Valentino Rossi, nono e decisamente più soddisfatto rispetto a venerdì. Nelle libere, Valentino ha dimostrato di avere un passo interessante, mentre in qualifica è stato rallentato dall’undicesima caduta stagionale, fortunatamente senza conseguenze. Come è già avvenuto tante volte in questa stagione, nel momento in cui Rossi sembrava avere trovato una buon equilibrio, è arrivata la caduta, che però non ha tolto più di tanto sicurezza al campione, che con grande determinazione è ripartito con la seconda moto, conquistando poi la terza fila, con prospettive di conquistare un risultato accettabile.


I PRIMI COMMENTI

Pedrosa: “Sono caduto all’inizio delle prove e così non ho potuto spingere più di tanto. Gli altri, inoltre, sono migliorati tanto, ma, alla fine, sono riuscito a fare un buon tempo, nonostante sia stato rallentato da Bautista”.
Stoner: “Quando sono giù dalla moto sono sicuramente più tranquillo e rilassato, ma in sella sono concentrato come sempre. Piuttosto, abbiamo faticato più del solito a trovare un buon equilibrio della moto, ma in configurazione gara, con le gomme dure, non sono messo così male”.
Dovizioso: “E’ una prima fila fantastica, ma sono ancora più soddisfatto del mio passo gara, sia con le morbide sia con le dure. Oggi faceva molto caldo e c’era poco grip: considerando che ieri prendevo 1”4 e oggi solo due decimi, non posso che essere soddisfatto del passo in avanti fatto. Alla fine mi sono tenuto un po’ di margine: mi si chiudeva l’anteriore e non volevo stendermi, rovinando il buon feeling che ho con la moto”.


Fonte
Moto.it



_________________

L'amore è più grande se la tua compagna non è perfetta
Cecca E.T.P.R. "The Moderator"
L'Ente è FurEnte
Torna in alto Andare in basso
http://www.facebook.com/#!/profile.php?id=727994496
Cecca
"The Moderator"
avatar

Messaggi : 2652
Data d'iscrizione : 13.03.10
Età : 39
Località : Forlì

MessaggioTitolo: Re: MotoGP: Round 17 - NEXT Shell Advance Malaysian Motorcycle Grand Prix   Sab Ott 22 2011, 15:13

Rossi: "Si può fare una gara non male"
L’analisi di Valentino Rossi è, come al solito, puntuale, chiara e anche… ironica. “Siamo andati un pochino meglio" commenta la sua giornata, chiusa con il nono tempo assoluto



"Abbiamo fatto delle modifiche e riesco a guidare con più efficacia rispetto a ieri. Andiamo abbastanza bene nel tratto veloce, poi, nell’ultimo settore, nel T4 (un rettilineo e mezzo e due curve, nda) perdiamo tantissimo, soprattutto rispetto alle Honda, che in quel tratto fanno paura. In ogni caso sono in terza fila, non lontanissimo, nonostante la solita caduta da Ducati: questa moto, quando si guida come si deve fare, fa degli scherzi. E’ questo il problema principale da risolvere per essere competitivi. Vediamo domani che temperatura ci sarà per scegliere con quale gomma correre. Sicuramente abbiamo fatto un passo in avanti rispetto al disastro del primo turno: ieri non ero più capace di andare, oggi sono nuovamente capace… Mi fanno ridere queste cose! Ci sono ancora tanti aspetti da mettere a posto, ma si può fare una gara non male. Nel giro buono ho messo la ruota posteriore sull’erba e questo mi ha fatto perdere un paio di decimi: forse avrei potuto conquistare la seconda fila. Nel T4 facciamo molta fatica anche perché, con la moto piegata, ho sempre paura a toccare il gas, perché si chiude davanti: devi essere molto dolce e perdi tempo. Vediamo domani: se stanotte non mi rincoglionisco, si può fare discretamente…”.

Ma perché la Ducati soffre così tanto in velocità massima, perdendo 7-8 km/h rispetto alle moto più rapide?
“Nel confronto con Stoner nel 2010, la mia velocità è inferiore perché lui è più piccolo e più leggero, e questo gli dava un vantaggio in accelerazione. Poi la Ducati non ha più il motore di qualche anno fa e la Honda ha fatto dei grandi passi in avanti nella gestione elettronica: questo permette ai piloti di aprire in ogni curva il gas qualche frazione di secondo prima, con una grande differenza alla fine del giro”.

A completare l’analisi di Rossi, qualche confronto con il 2010 dei piloti che non hanno cambiato moto:
- Andrea Dovizioso si è migliorato di un paio di decimi: 2’01”829 nel 2010, 2’01”666 nel 2011;
- Marco Simoncelli di mezzo secondo (nel 2010, però, non aveva la RC212V ufficiale): 2’02”690 nel 2010, 2’02”105 nel 2011;
- Alvaro Bautista di pochi centesimi: 2’02”394 nel 2010, 2’02”332 nel 2011;
- Nicky Hayden si è peggiorato di mezzo secondo: 2’01”637 nel 2010, 2’02”172 nel 2011;
- Hector Barbera (però non al meglio delle condizioni fisiche) si è peggiorato di sette decimi: 2’02”928 nel 2010, 2’03”619 nel 2011.



Fonte
Moto.it


_________________

L'amore è più grande se la tua compagna non è perfetta
Cecca E.T.P.R. "The Moderator"
L'Ente è FurEnte
Torna in alto Andare in basso
http://www.facebook.com/#!/profile.php?id=727994496
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: MotoGP: Round 17 - NEXT Shell Advance Malaysian Motorcycle Grand Prix   

Torna in alto Andare in basso
 
MotoGP: Round 17 - NEXT Shell Advance Malaysian Motorcycle Grand Prix
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Velázquez alla conquista di Parigi; Grand Palais; 25 marzo - 13 luglio 2015
» Vienna Acoustics Bach Grand
» Vienna Acoustics HAYDN Grand S.E
» Colori cavi connessione testina sullo shell
» Anteprima Vienna Mozart Grand Symphony Edition

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Ente Tutela Pomponi Romagnoli :: Quello che ruota intorno all'Ente Tutela Pomponi Romagnoli :: Corse-
Andare verso: